Pasqua 2020 nella riviera di Ulisse

CAMPER CLUB “LA GRANDA” ITALIA
PASQUA 2020 ..... NELLA RIVIERA DI ULISSE
GASTRONOMIA, CULTURA,
NATURA   E ……. AMICIZIA

Il Camper Club “La Granda” Italia in collaborazione con  il Campeggio S.Anastasia e con l’Agenzia V Come Viaggio organizza dal 9  al 14 aprile 2020 il  raduno di "Pasqua 2020 nella riviera di Ulisse"


PREFAZIONE

In questa pagina verranno inseriti eventuali aggiornamenti.

6 febbraio 2020

PRENOTAZIONI CHIUSE PER RAGGIUNTO NUMERO
E' PRESENTE UNA LISTA DI ATTESA SE DOVESSE RINUNCIARE QUALCUNO


15 gennaio 2020
INSERITO PROGRAMMA COMPLETO CON COSTI

IL CAMPEGGIO CHE CI OSPITA

S. Anastasia Camping
Il Camping è situato sul Litorale di Fondi, a 13 Km dal centro città, 7 Km a S-E di Terracina e 7 Km a N-O di Sperlonga.
Posizionato a metà strada tra Roma e Napoli, il camping è immerso in un territorio in cui la storia, l'archeologia, le tradizioni popolari, il folklore, la natura incontaminata e la suggestiva bellezza di ridenti cittadine mediterranee si fondono per dar vita a sensazioni e scenari indimenticabili in cui trascorrere vacanze fantastiche.


Via S.Anastasia, 5997 - 04022 - Fondi (LT)
Coordinate GPS: 41°17'29.2"N 13°20'33.0"E  oppure 41.291437   13.342511

Strada consigliata per giungere al Camping S.Anastasia
Uscire dall'Autostrada A2 Roma-Napoli al casello di FROSINONE e seguire Via Strada Regionale SR 156
Seguire poi per la superstrada veloce Terracina-Prossedi SP73
Seguire poi la Via Appia e dopo Terracina Via Flacca sino al lido di Fondi dove è ubicato il campeggio
Dal casello di Frosinone vi sono circa 60 Km

...il meglio anche fuori!
Il S.Anastasia Camping è situato sul litorale di Fondi, tra Sperlonga e il Circeo, dove esistono luoghi che non t’aspetti, dove poter vivere una vacanza all’aria aperta lasciandosi cullare dalla dolcezza delle spiagge, dal richiamo del mare, dalla bellezza incontaminata della duna mediterranea. In questi luoghi è facile perdersi tra i resti di una storia che ha radici nella mitologia, o lasciarsi sedurre da cibi dai mille profumi di terra e di mare. In lontananza si scorgono le isole Pontine, autentiche perle selvagge nate dal mare.
Questi luoghi rappresentano la cornice ideale in cui immaginare caravan e tende, ma sono anche una meta per gli amanti delle escursioni. In ogni luogo si respira il profumo dell'arte e del folklore. Paesetti dalle antiche mura, con viuzze lastricate, botteghe di artigiani e case colorate di bianco, si alternano a città d'arte ricche di chiese, castelli, templi e reperti archeologici che trasportano indietro nel tempo attraverso il Medioevo, l'Antica Roma e ancora più in là, in quelle grotte dove l'uomo preistorico era chiamato Neanderthal.

Mappa del punto di ingresso del Campeggio Sant' ANASTASIA

ALCUNE NOTE SUI LUOGHI CHE VISITEREMO

GAETA
Gaeta è una delle più caratteristiche città del litorale pontino. Sorge ai piedi del Monte Orlando, nel cuore della Riviera d’Ulisse.
L’origine del suo nome, dall’antico Caieta, è circondato dalla leggenda.
Secondo Virgilio il nome deriva dalla nutrice di Enea che morì nei pressi di questi lidi. Così narra in un famoso passo dell’Eneide e Dante ne conferma l’origine.
Secondo lo studio etimologico del geografo Strabone, invece, il nome verrebbe dalla voce dorica “Kaietas”, con il significato d’insenatura, infatti proprio in questa zona vi approdavano molti navigatori fenici e greci.
Diodoro Siculo era convinto che queste terre fossero connesse al mito degli Argonauti e fece derivare il nome della città da “Aietes”, mitico padre di Medea, figlia di Circe, la maga innamorata di Giasone? Dagli imperatori romani era considerata un rinomato luogo di villeggiatura e costruirono anche una nuova strada, la Flacca, più breve rispetto all’Appia, per raggiungerla più agevolmente.
Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la zona conobbe un difficile periodo di transizione, caratterizzato da numerosi saccheggi di barbari e Saraceni.  Nel Medioevo fortunatamente si risollevò e si sviluppò grazie ad un intenso commercio marittimo nel Mediterraneo, infatti fu ducato autonomo e sede vescovile.
Nei secoli seguenti Gaeta divenne una piazzaforte, con bastioni ed opere artificiali e, agevolata dalla sua posizione strategica, uscì vittoriosa da innumerevoli assedi.
Nel 1032 il potere dei Docibile sul ducato di Gaeta conobbe la fine, e fino al 1054, anno della definitiva conquista del regno di Napoli da parte degli Spagnoli, si sono succedute varie dominazioni, dalla normanna, alla sveva, dalla angioina, alla durazzesca, alla aragonese.

IL BORGO DI SPERLONGA,  CASE BIANCHE SUL MARE
Lungo il litorale laziale ci sono luoghi dove sembra di respirare l’aria di un tempo passato, di un mondo mitico che ancora oggi continuiamo a ricordare.
C’è ovviamente il Circeo, che con il suo nome richiama alla mente lei, la maga Circe, che qui avrebbe vissuto e accolto Ulisse, impegnato nel suo faticoso rientro verso Itaca.
Spostandosi però ancora più a sud, c’è un borgo di mare che in qualche modo racchiude altre memorie del viaggio dell’eroe greco.
Si tratta di Sperlonga, un piccolo nucleo di case bianche raccolte a picco sul mare. Non c’è vicolo o scorcio qui che non colpisca per la sua semplicità e i suoi colori.
Tra case bianche e antiche grotte
Il borgo di Sperlonga è il risultato di una storia particolare, nascosta già nel suo stesso nome. “Sperlonga” infatti non è altro che la forma moderna di un termine antico, “spelunca”, ossia “grotta”.
Proprio nei dintorni dell’odierna Sperlonga c’era una grotta molto celebre, la “grotta di Tiberio”, una cavità naturale inglobata all’interno della villa che l’imperatore ha abitato nel corso del I sec. d.C.
Una camminata tra i vicoli del borgo
Si accede al borgo attraversando un’ampia terrazza, dalla quale è possibile abbracciare con lo sguardo da una parte l’abitato e il mare, dall’altra la grotta di Tiberio, in lontananza.

ISOLA DI PONZA, LE BELLEZZE E I SEGRETI DELL’ISOLA DELLA LUNA
Ponza è la maggiore delle Isole Ponziane (il cui arcipelago comprende anche le isole di Gavi, Zannone, Palmarola, Ventotene e Santo Stefano) ed è situata nel Golfo di Gaeta (nel Mar Tirreno), 21 miglia nautiche a sud di Capo Circeo. Appartiene alla provincia di Latina, nel Lazio.
L'isola di Ponza è sicuramente una delle isole pontine più rinomate della Provincia di Latina. Le sue cale, l’acqua cristallina e la sua forma a mezzaluna le hanno permesso di renderla famosa in tutto il mediterraneo. Inoltre la presenza di siti archeologici risalenti ad epoca romana la rendono una meta alternativa non solo per gli amanti delle spiagge. L’isola si divide in tre località principali : Ponza (zona Porto), Campo Inglese e Le Forna. Ponza è raggiungibile dai porti di Formia e Terracina,tutto l’anno e in estate anche da Anzio e San Felice Circeo.
Tra cale, faraglioni, spiagge ed acque turchesi l'isola di Ponza è sicuramente un’isola che va visitata con una piccola e comoda barca. Avete la possibilità di poter svolgere differenti tour che vi faranno conoscere le principali cale ed i loro segreti.
Il porticciolo dell'isola di Ponza su costruito dai Borbone tra il 1768-1779 per facilitare l’insediamento dei nuovi abitanti e per meglio governare l’isola. Ad andamento semicircolare, il Porto è composto da ormeggi esterni e di terra. Imperdibile è la passeggiata nel piccolo centro tra ristoranti e case tipiche del mediterraneo. 
Detta anche Cala di Luna è una delle spiagge più famose dell’isola di Ponza raggiungibile da un tunnel scavato nel tufo di età augustea, e che la collega al Porto. Circondata da un'enorme parete di tufo che le conferisce il tipico colore bianco, il mare cristallino e le  grotte la rendono una meraviglia naturale. Al momento non è possibile accedervi per il rischio frane.

PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO TRA SUGGESTIONI, NATURA E SITI ARCHEOLOGICI
C'era una volta Omero: un viaggio alla scoperta del mito, tra suggestioni, natura e siti archeologici
La Grecia, culla della civiltà occidentale, patria della democrazia e della filosofia, ha proposto qui, nel Circeo, il mito di Ulisse, immortalato nell'Odissea.
Il racconto omerico vuole che Ulisse, nel suo navigare da una sponda all'altra del Mediterraneo, approdasse sulla leggendaria Eea, oggi identificata con il monte Circeo, che svetta sulla pianura e, visto da sud, può essere facilmente scambiato per una vera e propria isola.
Lì Ulisse visse un anno d'amore con la Maga Circe. Il X libro dell'Odissea racconta che quando il fido Euriloco, inviato in ambasceria presso la corte del palazzo di Circe, tornò riferendo a Ulisse che tutti gli uomini erano stati irretiti e trasformati in maiali, il dio Ermes in persona offrì all'eroe omerico il modo per salvarsi: un'erba di nome moly, che introdotta nella bevanda offerta da Circe, avrebbe reso vano l'incantesimo. Nell'intrico misterioso dei boschi del promontorio non è difficile immaginare muoversi uomini, avventurosi guerrieri, divinità e maghe con le loro pozioni magiche. Il Circeo è sempre stato fonte d'ispirazione per scrittori del calibro di Orazio, Goethe e Gabriele D'Annunzio; il motivo è più che comprensibile, in un territorio che da sempre è incontro tra natura, storia e mito.
Un luogo talmente incantato da sembrare frutto della fantasia. La vista è incredibile. Il cielo, la terra e il mare che ci circondano dalla cima del Circeo danno un senso di vertigine, trasmesso non tanto dai suoi 541 metri di altezza, quanto dal fascino straordinario del paesaggio. Quasi una sindrome di Stendhal al cospetto di una grandiosa opera d'arte della natura. La stessa reazione si prova anche dal basso, osservando questa cartolina, dove il Circeo emerge dal nulla come una fortezza di calcare protesa verso il Tirreno, chiudendo a sud-ovest il Golfo di Terracina con alte pareti invalicabili. A Nord invece è la dimensione orizzontale a dominare l'ambiente, con i lunghi cordoni di dune che corrono lungo la riva del mare.

Programma

giovedì 9 aprile
Arrivo e sistemazione presso il CAMPING "S'ANASTASIA"
Pomeriggio libero
Ore 19 saluti agli intervenuti, presentazione programma
Ore 20 Cena di benvenuto
Ore 21-30 consegna della borsa di benvenuto a tutti gli equipaggi e distribuzione cartellini per i bus

venerdì 10 aprile
Ore 08:30 incontro con la guida e partenza in bus per un’escursione di intera giornata.
Prima tappa Gaeta, una delle più caratteristiche città del litorale pontino. Sorge ai piedi del Monte Orlando, nel cuore della Riviera d’Ulisse. Inizieremo il tour con il famoso Santuario della Montagna Spaccata, nome legato a tre spaccature verticali che la leggenda vuole siano state prodotte dal terremoto verificatosi alla morte di Cristo. Una scalinata di 35 gradini conduce alla profonda e suggestiva fenditura centrale che, secondo la tradizione cristiana, si sarebbe formata alla morte di Cristo. A destra della Chiesa si percorre un corridoio scoperto con alle pareti le stazioni della Via Crucis in riquadri maiolicati, opera di R. Bruno (1849). Lungo la scalinata che porta nelle viscere della montagna è possibile notare la cosiddetta "Mano del Turco", la forma di una mano che, secondo la leggenda, si sarebbe formata nel momento in cui un marinaio turco miscredente si appoggiò alla roccia che miracolosamente divenne morbida sotto la sua pressione formando l’impronta della mano. Si prosegue con la visita del centro storico della città : la Chiesa dell’Annunziata con  la splendida Cappella d'Oro, denominata Grotta d'Oro, in cui pregarono vari pontefici, tra cui papa Pio IX e Giovanni Paolo II, detta così perché la volta a botte è costituita da cassettoni di legno intagliati e dorati; il Castello angioino/aragonese, ex carcere militare (visita esterna perché zona militare); la Cattedrale dominata dallo splendido campanile del XII secolo, considerato uno dei più belli d’Italia.
Pranzo in ristorante tipico e a seguire visita di Sperlonga.
Quella di Sperlonga è una storia di scorrerie ed aggressioni, luogo ambito da Saraceni e Turchi ma anche apprezzato e valorizzato dai Romani, innamorati del suo bellissimo litorale. Visiteremo la villa dell’imperatore Tiberio, il museo archeologico e passeggeremo nel centro storico con i pittoreschi vicoli, le piazzette, gli archi e scorci caratteristici.
Al termine delle visite rientro in campeggio.

sabato 11 aprile
Ore 07:00 partenza in bus dal campeggio per il porto di Terracina.
Incontro con la guida e imbarco sull’aliscafo diretto a Ponza, l'isola maggiore dell'Arcipelago Ponziano.
Giro panoramico dell'isola in minibus privato alla scoperta degli innumerevoli scorci panoramici: il quartiere inglese, “ i Faraglioni di Lucia Rosa”, le Piscine Naturali, lo Scoglio della Tartaruga, le Forna, Punta Incenso, la spiaggia di Chiaia di Luna e per finire Ponza centro.
Pranzo in ristorante con menù tipico
A seguire tempo a disposizione per shopping oppure per l’escursione in barca alle grotte di Pilato (escursione facoltativa a pagamento).
Intorno alle 17:00 imbarco per il rientro a Terracina.
Sbarco e rientro in bus al campeggio.
Ore 21.00 serata in compagnia nella sala a noi dedicata del campeggio

domenica 12 aprile PASQUA
Al mattino, per chi vorrà partecipare, SS. Messa nella sala del campeggio a noi dedicata.
Ore 13:00 Tradizionale pranzo di Pasqua presso il ristorante del campeggio con la rottura del grosso "ovone " pasquale seguito dalla distribuzione del cioccolato per tutti i presenti.
Pomeriggio libero a disposizione per il relax.

lunedì 13 aprile
Incontro con la guida e partenza per l’escursione di intera giornata  alla scoperta di Terracina e del Parco Nazionale del Circeo.
Terracina è una delle perle storico-artistiche del Lazio. ll centro storico, cuore pulsante della città, è il luogo dove la storia romana, medievale e moderna conservano ancora le loro testimonianze, come l’antica Via Appia, che attraversa la piazza del Foro, con il lastricato dell'epoca, il Teatro Romano, il Capitolium, la Cattedrale di San Cesareo, edificata sulle rovine di un tempio romano, il Castello Frangipane, il Palazzo Braschi e molto altro ancora. I monumenti che racchiude il Centro Storico mostrano ancora oggi la bellezza che possedevano un tempo. Visiteremo inoltre il Tempio di Giove, un enorme santuario romano che domina Terracina, la Pianura Pontina ed il Circeo dalla sommità di Monte Sant’Angelo.
Tempo a disposizione per il pranzo libero
A seguire visita del parco Nazionale del Circeo che si estende lungo la costa tirrenica del Lazio meridionale, con 8.500 ettari di superficie.
Dopo una passeggiata nella selva, visiteremo Sabaudia, situata sulle sponde del Lago di Paola che costituisce uno dei migliori esempi dell'architettura razionalista italiana, con edifici dalle forme lineari e strade ampie.
Al termine delle visite rientro in campeggio.
Ore 19.30 saluti a tutti i partecipanti
Ore 20.00 Cena di arrivederci presso il ristorante del campeggio con evento a sorpresa.

martedì 14 aprile
In giornata, partenza dal Campeggio e Buon ritorno a casa a tutti i partecipanti.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE  EQUIPAGGIO 2 ADULTI + 1 CAMPER  EURO 875,00
+ Polizza annullamento facoltativa euro 62,00 = EURO 937

EQUIPAGGIO 1 ADULTO + 1 CAMPER EURO 450,00
+ Polizza annullamento facoltativa euro 32= EURO 482,00

ADULTO SUPPLEMENTARE EURO EURO 425,00
+ con Polizza annullamento facoltativa euro 30,00 = EURO 455,00


LA QUOTA COMPRENDE:
6 giorni/5 notti soggiorno presso il camping SANT’ANASTASIA
Tutte le piazzole in prima fila vista mare riservate per la "Granda"
Corrente elettrica
Docce con acqua calda
Tassa soggiorno
Assicurazione medica per tutti i componenti dell'equipaggio
Presenza Coordinatori Camper Club "La Granda" Italia

Tutti i seguenti servizi:
 
 
Auricolari individuali per tutte le visite

09/04  
Cena di benvenuto presso il ristorante del campeggio con  acqua, vino, caffè inclusi

10/04  
Bus intera giornata per le visite di Gaeta e Sperlonga   
Guida intera giornata   
Biglietto ingresso Grotta d’Oro a Gaeta   
Biglietto ingresso museo archeologico, Villa Tiberio e antro a Gaeta   
Pranzo tipico in ristorante a base di pesce con acqua, vino, caffè inclusi

11/04    
Bus dal campeggio per il porto di San Felice Circeo   
Aliscafo per l’isola di Ponza a/r   
Guida intera giornata   
Minibus per tour di Ponza   
Pranzo tipico in ristorante a base di pesce con acqua, vino, caffè inclusi   
Bus dal porto di San Felice Circeo per il campeggio

12/04    
Aperitivo a buffet    
Tradizionale Pranzo di Pasqua presso il ristorante del campeggio con acqua, vino, caffè inclusi   
Un grande uovo per i bambini presenti e poi ... cioccolato per tutti

13/04
   
Bus intera giornata per le visite di Terracina, Parco del Circeo e Sabaudia   
Guida intera giornata   
Ingresso Tempio di Giove   
Cena dell’arrivederci presso il ristorante del campeggio con sorpresa finale

E inoltre per ogni equipaggio …....   
Un omaggio di benvenuto   
Un omaggio ricordo della vacanza       

LA QUOTA NON COMPRENDE:
tutto quanto non specificato nel paragrafo “la quota comprende”

IMPORTANTE : nella malaugurata ipotesi che il giorno 11/04 il maltempo dovesse impedire all'aliscafo per Ponza di operare, verrà organizzata un'escursione alternativa.


N.B per i NON soci e simpatizzanti del Club, alle cifre  indicate,  sul LUOGO della vacanza, dovranno versare 20 euro ad equipaggio ai coordinatori del gruppo.

ISCRIZIONE ALLA VACANZA


Telefonare alla sede del Club (Pom. 15-18) a Cinzia al numero 0143-837604 oppure inviare una mail a: sede@camperclublagranda.it

NOTA

Il Camper Club “La Granda” Italia non è da ritenersi responsabile di eventuali variazioni di programma per cause non imputabili alla nostra organizzazione ma per eventi particolari che esulano da tutto quanto indicato nel programma e di questo ne daremo immediato riscontro.

La vacanza è a prenotazione obbligatoria ed è limitato ad un numero MAX di 100 persone.

La vacanza si farà solamente se raggiungeremo il numero indicato

ATTENZIONE

POLIZZA ANNULLAMENTO VIAGGIO "Globy® Giallo " della Allianz Global
La polizza che permette di annullare il viaggio fino al momento della partenza, recuperando i costi delle penali addebitate dall'organizzatore.
E' previsto il rimborso per qualsiasi motivo oggettivamente documentabile anche in caso di malattie preesistenti e croniche, a seguito di rinunce per motivi di lavoro, per gravidanza o per la malattia del cane o del gatto di proprietà.


NOTA:
con l'invio della scheda di iscrizione debitamente compilata in tutte le sue parti, se pensate di attivare la polizza annullamento viaggio dovrete "fleggare" con una X il quadratino giallo presente, non prima di aver letto LE CONDIZIONI DI POLIZZA  che potrete scaricare al seguente link.

IMPORTANTE:
per la registrazione nel campeggio e per l'eventuale assicurazione di annullamento che potreste stipulare, abbiamo bisogno di alcuni dati.

Siete pregati di compilare il MODULO DI ADESIONE  per iscrivervi alla vacanza.

IMPORTANTE: RICORDATE DI INDICARE SUL MODULO DI ADESIONE PER I DUE MENU' CHE ABBIAMO DI SOLO PESCE, SE VOLETE IL MENU' DI CARNE

Il modulo di adesione è in formato Word, dopo la compilazione salvatelo e rinominatelo con il vostro nome e cognome ed inviatelo al seguente indirizzo e-mail: sede@camperclublagranda.it  

Fate molta attenzione a controllare  i dati prima di inviare il modulo e vi CHIEDIAMO LA CORTESIA di inoltrarcelo SEMPRE e SOLO in formato Word (un software che tutti possedete e che dovete utilizzare per compilarlo) perchè dobbiamo acquisire i vostri dati sulla scheda con un copia/incolla. Se ce lo inviate in altri formati, PDF, JPG ecc. dobbiamo ridigitare i vostri dati con la possibilità di commettere errori che nel caso di stipula di Polizze assicurative è molto importante.

A seguire le indicazioni dove effettuare il bonifico per il SALDO  VIAGGIO ALL'AGENZIA V. COME VIAGGIO

Coordinate bancarie per il versamento

Banca: BPM
Conto intestato a: V Come Viaggio SAS
IBAN: IT59L0503448451000000000465
causale: "PA20 ... VOSTRO COGNOME – Pasqua 2020”


ATTENZIONE:
Siete vivamente pregati di indicare nella causale del versamento il CODICE “PA20” che abbiamo indicato, seguito dal vostro nome e cognome.
Dopo aver effettuato il versamento si prega di voler inviare copia della ricevuta dell’avvenuto bonifico al numero di Fax 0143-824406 oppure mediante la scansione della ricevuta una mail a sede@camperclublagranda.it