Aquileia

IL CAMPER CLUB LA GRANDA ITALIA
Sezione PIAVE-ISONZO
organizza un Raduno ad AQUILEIA nei giorni 29 – 30 - 31 Marzo 2019 dal titolo

La seconda Roma, scrigno d'arte e di storia

N.B. 18.3.19 ATTIVATA LISTA DI ATTESA


Alcuni cenni sulla città che ci ospiterà

Aquileia  è un comune italiano di 3 302 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia. Colonia romana fondata nel 181 a.C., fu capitale della X regione augustea e metropoli della chiesa cristiana. Insieme con Ravenna e Brescia è il più importante sito archeologico  dell'Italia settentrionale, e con Cividale del Friuli e Udine è stata una delle capitali storiche del Friuli, il cui vessillo deriva proprio dallo stemma di Aquileia.
Fondata nel 181 a.C. come colonia di diritto latino da parte dei triumviri romani Lucio Manlio Acidino, Publio Scipione Nasica e Gaio Flaminio mandati dal Senato a sbarrare la strada ai barbari che minacciavano i confini orientali d'Italia, la città dapprima crebbe quale base militare per le campagne contro gli Istri, e contro vari popoli, fra cui i Carni e poi per l'espansione romana verso il Danubio.
I primi coloni furono 3500 fanti seguiti dalle rispettive famiglie.
È divisa dal cardine massimo, l'attuale via Giulia Augusta, e dal decumano massimo. Romanizzata la regione, la città, municipio dopo l'89 a.C. si ingrandì in fasi successive, come attestano le diverse cinte murarie. Durante l'inverno tra il 59ed il 58 a.C., come riportato nel De bello Gallico, Giulio Cesare pose gli accampamenti circum Aquileiam, intorno ad Aquileia  e da Aquileia richiamò due legioni per affrontare gli Elvezi. Certamente oltre a questo soggiorno di Cesare ve ne furono altri, da cui la città ottenne parecchi vantaggi.
Divenne centro politico-amministrativo (capitale della X Regione augustea, Venetia et Histria) e prospero emporio, avvantaggiata dal lungo sistema portuale e dalla raggiera di importanti strade che se ne dipartivano sia verso il Nord, oltre le Alpi e fino al Baltico ("via dell'ambra"), sia in senso latitudinale, dalle Gallieall'Oriente. Fin da tarda età repubblicana e durante quasi tutta l'epoca imperiale Aquileia costituì uno dei grandi centri nevralgici dell'Impero Romano.
L'avvento del cristianesimo
Nel 300 l'Imperatore Massimiano si stabilì nei palazzi imperiali di Mediolanum e Aquileia ed in queste città fece erigere costruzioni di enormi proporzioni tanto da farle apparire come una sorta di "seconda capitale" (tra cui il circo). Nonostante la Crisi del III secolo vi si ripercuotesse dolorosamente, la città, sede di numerosi uffici e istituzioni autorevoli, risultava ancora, alla morte dell'imperatore Teodosio I (395), la nona città dell'Impero e la quarta d'Italia, dopo Roma, Milano e Capua, celebre per le sue mura e per il porto.
Nel IV-V secolo d.C. si intensificarono le presenze imperiali e molti scontri sanguinosi risolsero contese fratricide (Costantino II, 339; Magnenzio, 350) o episodi di usurpazione: Teodosio I vi sconfisse Magno Massimo (388); Valentiniano III vi uccise Giovanni Primicerio (425).
Aquileia esercitò una nuova funzione morale e culturale con l'avvento del cristianesimo che, secondo la tradizione, fu predicato dall'apostolo san Marco, ed il cui sviluppo fu in ogni caso fondato su una serie di vescovi, diaconi e presbiteri che subirono il martirio. I primi furono Ermagora e Fortunato (circa 70 d.C.). Nativo di Aquileia dovrebbe essere stato papa Pio I (m. 154). Altri martiri della chiesa aquileiese furono, nel III secolo, Ilario e Taziano (m. 284). Agli inizi del IV secolo furono martirizzati Crisogono, Proto e i fratelli Canzio, Canziano e Canzianilla, il culto dei quali trovò ampia diffusione in tutti i territori della Diocesi di Aquileia, dal Veneto all'Istria, dalla Carinzia alla Slovenia. Nel 313 l'imperatore Costantino pose fine alle persecuzioni. Col vescovo Teodoro (m. 319 circa) sorse un grande centro per il culto composto da tre aule splendidamente mosaicate, ciascuna delle quali conteneva oltre 2.000 fedeli.
I vescovi di Aquileia crebbero di importanza nei secoli seguenti, dando un vigoroso contributo allo sviluppo del cristianesimo occidentale, sia sotto il profilo dottrinario (celebre e decisivo per la lotta contro l'arianesimo il concilio del 381, che interessò tutte le chiese d'Occidente) sia per l'autorità esercitata (fu metropoli per una ventina di diocesi in Italia e una decina oltre le Alpi)

Laboratorio del Mosaico
Blu Oltremare è una APS (Associazione di Promozione Sociale) senza fini di lucro (Statuto dell’associazione), che si occupa di promuovere iniziative sociali e didattiche finalizzate alla diffusione della cultura artistica sul territorio. Ecco di che cosa ci occupiamo nello specifico:
Corsi & laboratori didattici : Blu Oltremare tiene corsi per insegnare l’arte e la tecnica del mosaico, l’artigianato e la pittura. Nei nostri laboratori spesso ospitiamo scuole (ma anche singole persone) per guidarle nella creazione delle loro opere attraverso la nostra esperienza. Per noi è importante condividere la conoscenza della tecnica e i corsi didattici sono quindi uno dei pilastri di Blu Oltremare .
Produzione di opere : Le nostre tecniche vanno dalla pittura al mosaico, mentre le nostre produzioni spaziano dai quadri alle damigiane decorate.
Iniziative sociali & presenza sul territorio : Aquileia è una cittadina del Friuli unica nel suo genere, in quanto è essa stessa un’opera d’arte. Attrazione per turisti da tutto il mondo, Aquileia è il posto giusto per iniziative sociali finalizzate alla promozione dell’arte. Per questo motivo Blu Oltremare ci tiene alla sua presenza nel territorio e prende quindi parte alle numerose iniziative promosse dagli enti locali.

Il Cocambo
Cocambo nasce dall’idea innovativa di Piero Zerbin, mastro Pasticcere in quel di Aquileia. Si ispira alla tradizione artigianale della pasticceria del nostro territorio: cura nella ricerca della materia prima, eccellenza nella scelta delle origini del caffè e del cacao, scrupolosa messa a punto delle migliori tecniche di lavorazione per esaltare il gusto e la qualità dei prodotti artigianali. Ma Cocambo è molto di più: vuole ispirare il nostro modo di concepire il caffè e il cioccolato, tramettere le conoscenze accumulate in millenni di storia del caffè e del cacao. Vuole aprire la nostra mente alla fantasia dell’arte pasticcera, farci conoscere le tecniche per ottenere l’eccellenza. Cocambo ci vuole trasmettere anche il gioco: provare la gioia di scoprirsi mastri pasticceri, attraverso i corsi pratici. Offrire ai bambini un’esperienza unica: imparare a lavorare in laboratorio attraverso veri e propri esperimenti

PROGRAMMA DEL RADUNO

Venerdì  29 Marzo:
Dalle 13 alle 19: Arrivo dei partecipanti al Camping Aquileia
Dalle ore 15: Registrazione, Iscrizione al Raduno (10 € Equipaggio Soci) e consegna borsa di benvenuto.
Serata libera per cena individuale e/o passeggiata per la città.

Sabato 30 Marzo

- ore 9.30 ritrovo dei partecipanti con la guida al Camping AQUILEIA ed inizio della visita con la PASSEGGIATA ARCHEOLOGICA: SEPOLCRETO, MAUSOLEO, VIA GEMINA; visita del MUSEO PALEOCRISTIANO; proseguimento lungo la "VIA SACRA" / ANTICO PORTO FLUVIALE fino alla zona di scavi archeologici del FONDO COSSAR.
- ore 12 / 14,30 Pranzo Libero ai Camper o qualche locale in zona.
- ore 14,30 ritrovo con la guida in PIAZZA CAPITOLO nei pressi della Basilica e visita del COMPLESSO BASILICALE che comprende: Basilica, Cripta degli Affreschi, Cripta degli Scavi, Battistero, Domus e Palazzo Episcopale con ingresso a pagamento  (12 Euro a persona, comprese le cuffie obbligatorie).
- ore 16.00 Visita OPZIONALE al  MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE, con ingresso a pagamento  (7 Euro a persona), fino alle ore 17,30.
Al termine rientro in Campeggio.
- Ore 20.00 Cena collettiva OPZIONALE  nella struttura messa a disposizione dal Camping al prezzo di 13 Euro a Persona.

Domenica 31 Marzo
Mattinata dedicata alle visite individuali alla città che sarà invasa dagli amanti delle corse podistiche in quanto ospiterà l'arrivo della Maratona Unesco Cities Marathon di 42 Km con partenza da Cividale del Friuli.

Sono previste due attività OPZIONALI:
1) Visita con Degustazione al Cocambo, laboratorio di Caffè e Cioccolato.
2) Visita con Souvenir al Laboratorio del Mosaico Blu Oltremare.

Ciascuna delle attività prevede un costo di 8 Euro a persona, e si deve scegliere una o l'altra perché non c'è il tempo per svolgerle entrambe.
- Ore 12.00 Rientro ai Camper, brindisi di Arrivederci al prossimo Raduno.

Le attività definite OPZIONALI, devono essere prenotate in fase di preiscrizione telefonica o email alla Sig.ra Anna in modo di darci il tempo di organizzare al meglio conoscendo a priori il numero dei partecipanti.

Il Raduno è  a numero chiuso e prenotazione obbligatoria.
Al raggiungimento del numero previsto verrà attivata la lista di attesa.


Nota:
il costo per le due notti di pernottamento nel Camping "Aquileia" è di 40 euro ad equipaggio, da saldare alla Reception del Campeggio dai partecipanti al loro arrivo

 

Per prenotare NECESSITA telefonare o fare una email ai Referenti sotto riportati.


REFERENTI  
Per informazione e iscrizioni telefonare a:
Ruggiano Anna   347 6844094 dalle ore 16.00 alle 19.00 email: aruggiano61@gmail.com 
Alla SEDE Granda email:  sede@camperclublagranda.it
Il Camper Club "La Granda" si riserva di apportare modifiche al presente programma.