Feltre e Pedavena

CAMPER CLUB "LA GRANDA" ITALIA
LA SEZIONE TRIVENETO propone un Raduno a FELTRE e PEDAVENA
nei giorni di 12-13-14 Ottobre 2018


Alcune note sui luoghi del raduno

FELTRE
Centro principale del territorio feltrino è la città di Feltre (325 m), situata ad occidente del fiume Piave e alle pendici delle Dolomiti e, più in particolare, delle Vette Feltrine, chiusa a sud dal Monte Tomatico che domina imponente la Val Belluna. Attorno all'insediamento storico più antico della città, aggrappato sulle pendici di un colle (denominato "Colle delle Capre"), si sviluppano i quartieri più moderni
Di antichissima fondazione, nel 1510 fu devastata da un incendio appiccato dalle truppe di Massimiliano d'Austria e, tra il 1514 e il 1585, ricostruita in forme rinascimentali.
Nel XVII secolo fu restaurata a spese del vescovo Bartolomeo Gera, del Capitolo, della Comunità, del Monte di Pietà e del nobile Francesco Angeli.
Nel 1894 l'ingegner Giobatta Sanguinazzi ne modificò la facciata.
Il campanile fu eretto nel 1392 e parzialmente rimaneggiato nel 1690.
Già cattedrale dell'antica diocesi di Feltre, ha assunto il titolo di concattedrale a seguito della piena unione delle diocesi di Belluno e Feltre disposta dalla Congregazione per i Vescovi il 30 settembre 1986.
L'area archeologica ipogea che si estende per oltre 900 mq sotto piazza Duomo, testimonia le fasi più antiche della città. La maggior parte delle testimonianze conservate a vista appartiene a un quartiere a carattere residenziale-commerciale di Feltre romana.
Sono inoltre visibili testimonianze di epoche successive, che documentano un nuovo assetto dell'area in seguito al collasso della città romana: un edificio altomedioevale (antecedente all'anno 1000), da collegare probabilmente con la vicina sede vescovile, e un battistero a pianta circolare datato alla fine dell'XI-inizio XII secolo.
Asclepio o Esculapio (in greco antico: Ἀσκληπιός, Asklēpiós) è un personaggio della mitologia greca. Figlio di Apollo e di Arsinoe secondo Esiodo, oppure di Apollo e Coronide per Pindaro, è un semidio e dunque uomo mortale per Omero, si diceva fosse stato istruito nella medicina dal centauro Chirone[1], o che avesse ereditato tale proprietà dal padre Apollo. Divenne poi il dio della medicina, al pari di suo padre, ed era una divinità molto adorata dal popolo, in quanto benevola con gl'infermi.
Il Teatro de la Sena, ovvero “della scena”, è ospitato al primo piano del Palazzo della Ragione, edificio cinquecentesco costruito a partire dal 1510 dopo la distruzione della fabbrica preesistente da parte delle truppe di Massimiliano d’Asburgo e caratterizzato dal loggiato palladiano del 1558. Il salone, inizialmente adibito alle riunioni del Maggior Consiglio, fu destinato a pubblico teatro nel 1684 con la costituzione di un Teatro Sociale a due ordini di palchetti di proprietà privata, appartenenti a famiglie nobili e cittadine. Nel 1971, dopo una campagna di sensibilizzazione della locale sezione di Italia nostra, furono avviati i primi interventi di restauro che si protrassero con alterne vicende fino agli anni ‘90. I lavori sono in fase conclusiva grazie a un accordo di programma siglato nel 2000 tra il Comune di Feltre e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio delle Province di VE, PD, BL e TV ed oggi il Teatro della Sena offre al visitatore l’opportunità unica di entrare nella perduta Fenice.
La Sala degli Stemmi è situata al primo piano del Palazzo Pretorio, ricostruito dopo le distruzioni del 1509-1510, un tempo residenza privata del rettore veneziano e ora sede del Municipio.
Deve il suo nome ai 45 stemmi gentilizi dei rettori che si succedettero dalla fine del ‘400 al ‘600. Sulla parete nord, oltre ai blasoni, compaiono le effigi dei Santi patroni Vittore e Corona e su quella ad est il leone di San Marco databile alla prima metà del XVII secolo. L’attuale aspetto dei dipinti murali si deve al restauro compiuto nel 1941 dal pittore Attilio Corsetti. Il soffitto ligneo policromo è cinquecentesco.
Museo Civico di Feltre
L’istituzione del Museo civico di Feltre fu votata dal Consiglio comunale per acclamazione il 15 giugno 1903, a seguito dell’appello della nobildonna Antonietta  Dal Covolo la quale aveva donato alla città il primo nucleo di materiale eterogeneo, soprattutto dipinti, manufatti d’arte popolare, di artigianato religioso e memorie patrie . Numerosi cittadini, accogliendo l’invito del sindaco Ferruccio Bonsembiante, conferirono oggetti e documenti.
Museo di arti decorative unico al mondo, la Galleria d'arte moderna "Carlo Rizzarda" venne istituita per volontà testamentaria del celebre fabbro artigiano ed inaugurata nel 1938. Conserva oltre 400 manufatti in ferro battuto forgiati in forme sinuose ed eleganti tra il 1910 e il 1930 da Carlo Rizzarda: cancelli, lampade, inferriate, ringhiere e formelle.

PEDAVENA LA BIRRERIA
La Birreria Pedavena è una struttura flessibile e accogliente. Nell’Atrio potrete degustare le nostre birre insieme ai vostri amici. Nella Sala degli Elefanti, nella Sala degli Affreschi e in Veranda potrete assaggiare una delle numerose pietanze presenti nel nostro menù. E, se sei alla ricerca di un luogo dove organizzare un evento speciale, la Sala degli Elefanti e la Veranda fanno al caso tuo. Potrai scegliere tra numerose proposte di antipasti, primi e secondi. Nella Sala degli Affreschi ospitiamo numerose band provenienti da tutta Italia.
Disponiamo di un grande parco dove organizziamo moltissimi eventi. Nel periodo natalizio sono presenti i classici mercatini natalizi. Nel periodo estivo si può ascoltare della buona musica dal vivo e si possono acquistare i prodotti tipici del territorio.
Per i più piccini la Birreria sono presenti un parco giochi e un piccolo recinto con gli animali. Inoltre, nel periodo estivo, organizziamo numerosi eventi dedicati alle famiglie.
Per gli amanti dello sport sono presenti campi da tennis e campi da bocce. Oltre a questo, ospitiamo anche eventi sportivi.
Ma in una Birreria la scena è tutta per loro, le birre. Offriamo una vastissima varietà di birre alla spina: la Pedavena, la Dolomiti Pils, la Dolomiti Rossa doppio malto, la Superior e la Dolomiti 8°. Per gli amanti della birra è sempre possibile degustare una particolare birra prodotta in esclusiva per la Birreria Pedavena: La Birra del  Centenario.
Questa birra, creata nel 1997 in occasione del centenario dello stabilimento di Pedavena, è diventata la nostra birra di punta. Si tratta di una birra non filtrata e non pastorizzata con malti, luppoli e lieviti selezionati, il tutto realizzato con tecniche quasi artigianali e con una tradizionale lunga stagionatura.

PROGRAMMA DEL RADUNO

Venerdì 12 ottobre:
Dalle  13 Alle  18:
Arrivo dei partecipanti al Parcheggio Feltrino in Via Martiri della Libertà n° 1 a Feltre.
Coordinate GPS 46.01922 N, 11.90626 E  oppure 46°01'09.2"N 11°54'22.5"E
Dalle ore 15: Registrazione, Iscrizione e consegna borsa di benvenuto  (10 € Equipaggio Soci,  20 € Equipaggio non Soci )
Ore 18.00 - Ritrovo davanti al sagrato del Duomo e visita all’Area Archeologica sottostante il sagrato.
Il sito è interessante in quanto si presentano diverse epoche, da retica, romana ad alto-medievale, visibili stratigraficamente.
Visita alla Sala Pio dove è esposta la Statua di Asclepio di epoca romana, in marmo, acefala, alta 2.10 mt.  
Passeggiata lungo il sistema difensivo della cittadella con salita da Porta Pusterla e discesa dalle Scalette Nuove.
Ore 19,30 - Rientro al Parcheggio Feltrino e Brindisi di Benvenuti.
Cena libera
Ore 21.30 - nel parcheggio, tempo permettendo, verrà proiettato un Power Point (Presentazione fotografica) della città e dintorni preparato dal nostro accompagnatore.

Sabato 13 ottobre:
Ore 9,30 - Ritrovo in Parcheggio con l' accompagnatore e formazione dei Gruppi.
- Visita al Cento Storico da Porta Imperiale passando per Via Mezzaterra ed arrivo in Piazza Maggiore per visita al Teatro de la Sena, chiamato anche “Piccola Fenice”,  
- accesso al Salone degli Stemmi del Palazzo Pretorio
- scendendo poi per Via Paradiso: ingresso alla Galleria d’Arte Moderna “Carlo Rizzarda” dove una sezione è dedicata all’arte del ferro battuto di Rizzarda ed altre sale alle opere di fine ‘800 fino ai giorni nostri che ci trasportano nella Milano di quel periodo.
Dalle 12,30 alle 14.30 - Sosta per pranzo libero.
Ore 14,30 -  Opzionale: visita al Museo Civico in Via Luzzo: in un tipico palazzo del ‘500 con una piccola sezione è dedicata all’archeologia ed  altri due con mobilia, quadri e sculture del 1500 al 1800.
Per chi non è interessato al Museo Civico libertà di Shopping o ritorno ai Camper.
Ore 17.00 - Partenza in colonna alla volta della Birreria Pedavena distante circa 3 km.
Sistemazione nel Parcheggio della Birreria.
Ore 20.00 - Cena di gruppo in Birreria, segue Menù:

PRIMO PIATTO: Risotto alla birra Pedavena
SECONDO PIATTO: Piatto Pedavena composto da arista, pastin, wurstel, crauti, fagioli in insalata e patatine fritte
DESSERT: gelato con frutti di bosco
CAFFÈ
Il menù è comprensivo di acqua, vino e birra dal primo piatto fino al servizio del caffè ed ha un costo di 25.00 euro a persona.

La serata si concluderà in allegria come nostra tradizione.
 
Domenica 14 ottobre:
Ore 9.30 - Ritrovo dei partecipanti nel piazzale parcheggio della Birreria
Ore 10.00 - Visita guidata all'interno della Birreria con presentazione di tutte le fasi della produzione.
La visita si concluderà con la degustazione di un bicchiere di Birra.
Dopo la visita possibilità di visitare il parco e le strutture adiacenti.

Costi:
Equipaggio di 2 persone:  € 90
Equipaggio di 1 persona:  € 50
Ogni persona in più:        € 40
Bambini sotto i 6 anni:     gratis


La quota comprende:
Parcheggi, Accompagnatori, Ingressi ai siti (con esclusione del Museo Civico del sabato pomeriggio), Cena del sabato, Visita alla Birreria.

La somma relativa alle attività proprie del Raduno,verrà versata ad un nostro incaricato al momento dell'iscrizione, che la riceverà a titolo di Fondo Spese da corrispondere direttamente ai prestatori dei servizi in nome e per conto dei singoli camperisti.

Il Raduno è  a numero chiuso e prenotazione obbligatoria.
Al raggiungimento del numero previsto verrà attivata la lista di attesa.
Per prenotare necessita una telefonata od una email alla Referente sottoelencata.
In caso di assenza l’interessato è tenuto ad avvisare ENTRO VENERDI' 5 OTTOBRE in modo da permetterci di avvisare le persone in lista di attesa.
Il Camper Club "La Granda" si riserva di apportare modifiche al presente programma.


REFERENTE Per informazione e iscrizioni telefonare o scrivere a:
Ruggiano Anna 347 6844094  aruggiano61@gmail.com
Per la sede Cinzia 0143 837604 sede@camperclublagranda.it


A seguire il regolamento per la visita alla Birreria:
    
LINEE GUIDA PER I VISITATORI ALLA FABBRICA DI PEDAVENA

Nel rispetto delle disposizioni normative relative all’igiene degli alimenti (Reg. CE 852/2004) e sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008), al momento dell’accesso allo stabilimento come visitatore, la invitiamo ad osservare senza eccezioni le seguenti disposizioni:
• L’accesso allo stabilimento è permesso solo se accompagnati dal collaboratore addetto alle visite, seguendo scrupolosamente le indicazioni da esso fornite;
• Prima dell’inizio della visita è d’obbligo comunicare all’addetto alle visite, eventuali malattie, patologie varie o stati di alterazione che possano pregiudicare il ciclo di produzione dello stabilimento e il buon fine della visita;
• La visita prevede di percorrere numerosi scalini, scale ripide e corridoi stretti, per cui prima dell’inizio della visita, è importante avvisare se  sono presenti persone con particolari  difficoltà  motorie;
• La visita si snoda tra reparti con differenze di temperatura e all’esterno, per cui è consigliato portare con sé una giacca e se del caso l’ombrello;
• E’ importante osservare scrupolosamente la segnaletica sulla sicurezza, camminare solo sui percorsi pedonali previsti, segnalati e/o indicati dalla guida;
• Non toccare e mantenere le distanze di sicurezza dai macchinari, impianti e apparecchi;
• All’interno dello stabilimento è vietato introdurre animali, portare e consumare alimenti e bevande, fumare;
• Al suono di eventuale allarme è necessario seguire le indicazioni e istruzioni sulla sicurezza fornite dal personale per l’evacuazione;
• In caso di persone mancanti o irreperibili rispetto all’originario gruppo visita e in caso di incidenti e infortuni , è d’obbligo informare immediatamente il personale.
                   
Buona visita !

Mappa del luogo del raduno